Sulle retorica della diversità

peas-580333_1920

Tutti siamo nati nel paesello. Ci siamo nati e da subito ci siamo sentiti quelli diversi, quelli che nessuno mi capisce.

Io per primo. Quante volte ho odiato l’aria, le persone, le strade, le tonde rotonde di questa Padania che mi uccideva dentro?

Arrivato a 30 anni comprendo però che la retorica del Not Like Other Girls può essere solo una bugia, un bellissimo stereotipo letterario e di vita nel quale mi piace annaspare.

Come Belle nell’articolo citato qua sopra. Ok, lei è quella strana che legge libri, è quella particolare e indipendente ma – mi chiedo – ci avrà mai provato a fare amicizia con le persone del villaggio?

Che peso ha il “I’m not like the other girls” nella mancata inclusione sociale di omosessuali, freaks, stranieri?

Nell’ultima stagione Buffy afferma

Being the slayer made me different. But it’s my fault I stayed that way.

Al netto dell’ENORME problema di omofobia e razzismo, non è che un po’ ci crogioliamo nell’immagine di noi stessi soli, emarginati, diversi, SPECIALI?

La realtà è complessa: la vittima può essere la prima carnefice di se stessa.

Ma il punto è che non esiste la diversità perché siamo tutti diversi da tutti. Non è che perché sei frocio, negro, alternativo sei più speciale di chi è bianco, borghese, padano puro. Sei semplicemente diverso da loro come loro sono diversi da te.

Non ci sarà mai inclusione sociale e rispetto se i freaks, invece di mescolarsi nel mondo, se ne stanno nei loro ghetti colorati d’arcobaleno.

Come possiamo pretendere di essere capiti,
se non ci facciamo conoscere?

E’ giusto e sacrosanto lottare con tutte le nostre forze per abbattere il muro dell’omofobia. Mi piacerebbe però si iniziasse anche a riflettere su quando – a volte e non per tutti – l’orientamento sessuale diventa non un semplice gusto ma una dorata torre d’avorio dalla quale guardare con aria spocchiosa gli inermi, piccoli, (per noi) inetti abitanti del paesello.

O almeno questo è stato per me.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...